img 081.246.19.42/49
img via Alessandro Manzoni P.co Cafiero 141/C
  • Seguici su :
23rd lug

2018

Malattie della coagulazione? Perché la prevenzione è di vitale importanza.

copertina-luglio-18

Malattie della coagulazione?
Perché la prevenzione è di vitale importanza.

Le malattie della coagulazione sono molto insidiose e possono dar luogo sia ad eventuali diatesi emorragica, cioè la predisposizione a sviluppare emorragie, sia fenomeni trombotici, cioè allo sviluppo di coaguli nel sangue che possono avere conseguenze anche molto gravi se non individuati per tempo. In Italia la trombosi è molto sottovalutata e non tutti sanno che anche in Europa è tra le principali cause di morte.

 

Esegui una visita da uno specialista

foto-a

Le malattie della coagulazione devono essere trattate da medici specialisti che hanno competenza ed esperienza nella medicina interna e con particolare riferimento alle patologie del sangue e della coagulazione. Lo specialista nelle malattie della coagulazione analizza, infatti, la struttura ed il funzionamento di tutti gli elementi del sangue attraverso esami di laboratorio mirati ed ha una visione globale della problematica. Anche l’eventuale terapia farmacologica non deve essere lasciata al caso trattandosi di patologie altamente specifiche e non tutti i medici sono in grado di impostare correttamente la giusta terapia.

Quando parliamo di malattie della coagulazione, la prima cosa da fare, è dunque, quella di non sottovalutare segnali anche minimi e di ricercare subito un medico specialista. In genere è il medico curante che indirizza il proprio paziente verso un ematologo o altro specialista nelle malattie della coagulazione. Alcuni indizi importanti possono essere l’alterazione di alcuni valori del sangue (come ad es. i livelli di emoglobina del sangue, il livello dei globuli bianchi oppure, ancora più importante una emorragia senza una causa apparente. Se soffri o sai di soffrire di una malattie della coagulazione o hai avuto in passato fenomeni legati ad una malattia della coagulazione come ad esempio fenomeni di trombosi anche lieve rivolgiti ad uno specialista e fai una visita preventiva. La visita andrebbe ripetuta almeno una volta l’anno per monitorare la tua condizione nel tempo.

 

Fai gli esami giusti  

foto-b

Esegui esami mirati in laboratori effettivamente attrezzati ed autorizzati ad eseguire esami specifici per i difetti della coagulazione. E’ importante rivolgersi a centri autorizzati ad eseguire anche indagini di genetica molecolare in quanto tali centri sono in grado di offrire un pannello di esami più completo e globale. Non va dimenticato che spesso i fenomeni trombotici sono legati a difetti di tipo ereditario e genetico. La genetica di laboratorio è la branca della medicina che si occupa della diagnosi delle alterazioni genetiche associate a determinate malattie. Tra gli esami mirati che ti consigliamo di eseguire c’è senz’altro l’esame dell’omocisteina. L’omociesteina è un aminoacido prodotto dal metabolismo ed è un campanello di allarme in quanto un suo valore superiore alla norma potrebbe essere responsabile di fenomeni trombotici o anche di ictus. In genere l’omocisteina è un valore collegato anche a diverse malattie cardiovascolari. Un valore molto alto dell’omocisteina è collegato in ogni caso a problemi di tipo vascolare. Non tutti i medici prescrivono l’esame dell’omocisteina ed è proprio per questo che ti raccomandiamo di rivolgerti ad uno specialista delle malattie della coagulazione in grado di valutare la problematica nella sua dimensione globale.

 

Fatti le domande giuste

In questo nostro decalogo non potevano mancare i consigli che diamo sempre.

Ti sei mai fatto queste domande?

Hai mai avuto un episodio di trombosi anche lieve?

Hai realmente approfondito le cause della Trombosi?

Che tipo di Trombosi hai avuto ? arteriosa o venosa?

Quanto tempo è trascorso dal momento della diagnosi o dei primi sintomi?

Esiste o sospetti una tendenza eccessiva del sangue a coagulare (Trombofilia) ereditata dai tuoi genitori?

Hai mai fatto un controllo preventivo per capire se sei a rischio trombosi?

Se hai risposto con un si anche ad una sola di queste domande contatta uno specialista nelle patologie della coagulazione.

A cura della redazione Salutiamo “Villa Angela”


call

Inserisci la tua migliore e-mail e numero di telefono

PARTECIPA AL NOSTRO PROGRAMMA DI PREVENZIONE DELLA TROMBOSI


Se ti è piaciuto questo contenuto, condividilo: